Un giorno al Rifugio

In questa pagina continua la galleria di foto scattateci dal nostro amico fotografo Paolo Aizza di Aiello (www.paoloaizza.com). Ecco alcune visioni parziali dell'interno della sala da pranzo.




Intanto in cucina c'è chi sta tra pentole e fornelli e non abbandona mai la sua 
postazione: il Gestore!


Antonietta è alle prese con le comande di un gruppo abbastanza numeroso: vediamo di non sbagliare!


Un espediente fondamentale per far passare il tempo all'affamato ospite è la tovaglietta del Gira-Rifugi: leggendola inganna l'attesa e al tempo stesso scopre l'esistenza di molti altri Rifugi che non conosceva. La pubblicità è l'anima del commercio!

Intanto è arrivata la pastasciutta..



...per qualcun altro un bel minestrone "pengio" in cui il cucchiaio sta quasi su da solo...


...oppure una bella porzione di gulasch con polenta taragna (fatta con una parte di grano saraceno).


E per finire, vai con il dolce: crostata alla marmellata di frutti di bosco, uno dei cavalli di battaglia del nostro cuoco che incrocia le striscioline di pasta frolla con tale millimetrica precisione che non sembra nemmeno fatta in casa!


Alla fine sul tavolo rimangono solo i piatti da lavare, bicchieri vuoti...


...e tazzine sporche!


Dopodichè una sosta al bar davanti alle grappe è quasi d'obbligo!


I ragazzi vanno a giocare con il nostro cane, Nayeli, che non aspetta altro...





Ancora un giretto per immortalare gli immediati dintorni del Rifugio...


...come questo ricordo al sessantesimo anniversario della costruzione del Rifugio Giaf...

oppure questo termometro veramente storico, quasi un pezzo da museo...


...e siamo pronti per tornare a valle!